Banner
Interviste

I muri parlanti di Twitch

Un’intervista con James Micallef Grimaud, detto Twitch, il primo street artist maltese e figura di rilievo dell’arte contemporanea a Malta. La sua installazione “Giraffa” è stato uno dei lavori artistici più impattanti degli ultimi anni.

James Micallef Grimaud noto con il nome d’arte di Twitch, è ritenuto essere stato il primo street artist maltese. A partire dalla metà degli anni Novanta, i suoi lavori su grandi superfici mostrano un profondo legame con la cultura mediterranea e sono fortemente influenzati dalla crisi della politica e dalla trasformazione del paesaggio sofferta da Malta negli ultimi anni.

He has held several solo exhibitions and participated in collective shows and street art projects both locally and internationally.

He is the founder of the Malta Street art collective, a street art collective working on several art projects around Malta.

He defines himself as an artist/anarchist.

Micallef Grimaud vanta varie esposizioni personali e partecipazioni, sia a livello locale che internazionale, a mostre collettive e progetti di streetart (tra cui il primo murales a Malta).

È inoltre il fondatore del Malta Street Art Collective.

Si definisce un artista anarchico.


Quale influenza ha avuto Malta sulla tua sensibilità e dunque sulla tua produzione artistica? 

Nel mio lavoro cerco di mostrare la fragilità, la trasformazione, la gentrificazione e la progressiva dematerializzazione della cultura mediterranea di cui faccio parte. La mia scelta dei temi e il modo in cui approccio il mio lavoro sono fortemente influenzati dagli eventi contemporanei che accadono intorno a me: le migrazioni dall’Africa all’Europa, l’attenzione internazionale seguita ad una serie di scandali politici e l’eccessiva cementificazione dell’isola, ad esempio. Seleziono quelli che mi ispirano o mi frustrano di più e cerco di avvicinarli in modo arguto, cercando un equilibrio tra la serietà della loro realtà e l’assurdità di tutto.


Tra le tue opere, ne hai una favorita? 

Difficile rispondere perché ho molti preferiti. Ogni mia opera deriva da uno studio approfondito e rappresenta un certo momento della mia vita. Se dovessi sceglierne alcuni, tra i miei lavori più recenti, sicuramente sceglierei Giraffa, opera di 120 metri in altezza (tuttora l’installazione artistica più grande mai realizzata a Malta) creata al Grand Harbour e parte della mostra tenuta a Valletta nel 2018 titolata Dal-Baħar Madwarha (The Island is What the Sea Surrounds). Questa installazione rappresenta un punto d’incontro tra il Europa e Africa.

Il pattern che ho usato per creare la giraffa deriva dalla specie di Kordofan, che è una delle più minacciate a causa del fatto di vivere nelle zone di guerra in Africa. Presso il Grand Harbour la giraffa ha ora un rifugio.

Twitch, Giraffa

Twitch, Giraffa (2018)

Un altro favorito è The Wheel of Fortune, un murale che mi è stato commissionato per la città di Leeuwarden, Capitale della Cultura 2018. Questo murales affronta l’importanza della sostenibilità. Il neonato rappresenta le generazioni future. Situato su una ruota, può fermarsi ovunque, quindi dobbiamo prenderci cura dell’ambiente affinché ovunque si nasca ci sia la possibilità di crescere in un luogo sano.

Twitch, Wheel of Fortune

Twitch, Wheel of Fortune (2018)

A State of Limbo, un’opera su tela che ho realizzato per la mia omonima personale presso Spazju Kreattiv, mostra la mia interpretazione della forza di una cultura africana e delle sue giovani generazioni intrappolate nella follia della guerra. Questa follia è il risultato della corruzione e dell’avidità dell’uomo. Questa rappresentazione macabra ma giocosa crea un senso di limbo in cerca di una via d’uscita. Questo lavoro crea anche una narrazione per i fenomeni migratori di massa delle popolazioni africane che attraversano il Mediterraneo alla ricerca di un futuro migliore.

twitch, a state of limbo

Twitch, A State of Limbo

L’installazione chiamata Floating Memorial anch’essa realizzata per la mia personale A State of Limbo presso lo Spazju Kreattiv.

twitch, Floating Memorial

Twitch, Floating Memorial (240 x 200 x 200, mixed media, installation in mare), 2019. Foto di Steve Zammit Lupi

Floating Memorial allo Spazju Kreattiv, 2019


C’è un’artista o un’opera che ti ispira in particolare? 

Non saprei scegliere dato che molte opere d’arte, molti artisti così come molte persone incontrate in diversi periodi della mia vita mi hanno ispirato.


Che effetto hanno avuto questi mesi di semi apocalisse in seguito all’epidemia di covid sul tuo modo di intendere e fare arte? 

Questi tempi segnati dal panico generale e dalla paura dell’ignoto sono stati sicuramente un fenomeno antropologico molto interessante che mi ha ispirato a creare.

Potete seguire il lavoro di Twitch dal suo sito: www.jamesmg.com
Twitch, Lost in Earth's Demise

Twitch, Lost in Earth’s Demise

Twitch, Death of Innocence

Twitch, Death of Innocence

Twitch, Unknown

Twitch, Unknown

Banner
x